Excite

WhatsApp, chiamate vocali a rischio truffa: invasione di fake sugli smartphone, allarme phishing

  • Twitter @ashishind25

I fake online sono all’ordine del giorno e neanche WhatsApp sfugge ai piani “diabolici” dei truffatori di professione, pronti a sfruttare qualsiasi occasione per fare profitti illeciti a spese della massa di utenti non in grado di difendersi dai sempre più sofisticati raggiri, veicolati dal tam tam di messaggistica istantanea senza alcuna possibilità di controllo preventivo.

Come attivare il servizio di chiamate vocali su WhatsApp: al via la “rivoluzione” online

Portata a casa con entusiasmo la novità delle chiamate vocali, l’utente medio del più popolare servizio di chat al mondo ha dovuto fare i conti con un tentativo di truffa ben orchestrato da mani invisibili allo scopo di sottrarre dati e credito ai malcapitati di turno, indotti ad assecondare inconsapevolmente l’operazione di phishing ai danni del proprio smartphone grazie all’esca delle telefonate gratuite.

Si tratta di una trappola che parte dal messaggio ingannevole “Congratulazioni! Sei stato invitato a provare WhatsApp Chiamate per poi proseguire nel percorso a tranello con la richiesta di scegliere “dieci amici per attivare le telefonate”, previo un click sul pulsante “continua”.

(Chiamate vocali gratuite con WhatsApp, ecco come funziona il servizio: video tutorial)

Non pochi, di fronte ad una prospettiva almeno in apparenza così allettante, ci sono cascati ed hanno dato una mano ai pirati del web facendo circolare all’infinito la truffa poi smascherata e denunciata dai meno ingenui navigatori: come precisato dai gestori del servizio, le chiamate vocali verranno in automatico garantite a tutti gli interessati tramite semplice aggiornamento della piattaforma.

La brutta sorpresa riservata dai professionisti del fake a qualche migliaio di consumatori incalliti di app esaurirà i suoi malefici effetti nel giro di pochi giorni, a meno che il meccanismo non si autorigeneri per un lasso di tempo maggiore del previsto.

Un'esperienza così traumatica di phishing subito sullo smartphone potrà forse una volta per tutte servire da monito per il futuro a beneficio di quella percentuale ancora troppo alta di utenti vulnerabili agli attacchi di qualsiasi genere, alla privacy ed al portafoglio altrui.

Pubblicato da Marco Franco - Profilo Google+ - Leggi più articoli di Marco Franco

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017