Excite

Vodafone e Tim, ecco i servizi che diventeranno a pagamento: costi e procedure per disattivarli

Grande clamore sta riscuotendo la nuova iniziativa di Vodafone e di Tim con cui, dal 21 luglio 2014, alcuni dei loro servizi che, sino a questo momento, erano gratuiti diventeranno a pagamento. Di quali si tratta? Quali saranno le nuove tariffe? E, sopratutto, si possono, eventualmente, disattivare?

Scopri come disattivare i servizi che dal 21 luglio 2014 saranno a pagamento

Sebbene entrambe le aziende abbiano avvertito del cambiamento, tramite sms inviato ai loro clienti durante tutto il mese di giugno, in molti sono quelli che, avendolo ignorato o, più semplicemente, essendosi dimenticati della comunicazione, a breve riceveranno una brutta batosta sulla loro bolletta. I due servizi che, infatti, diventeranno a pagamento sono due opzioni spesso usate da tutti noi, ovvero Lo Sai/ Chiama Ora di TIM e Chiamami e Recall di Vodafone.

Si tratta, per chi non conoscesse questi nomi, degli avvisi di chiamata che ci arrivano tramite SMS e che ci informano o se qualcuno ci ha cercati mentre il telefono era spento o irraggiungibili oppure se la persona che abbiamo cercato di contattare senza successo è, ora, disponibile e libera.

Le due compagnie adotteranno tariffazioni differenti: se, infatti, Vodafone attuerà una politica con cui si andrà a pagare solo quando si usa uno dei due servizi, TIM, invece, introdurrà un abbonamento da scalare dal proprio credito (sia che si abbia una ricaricabile o si utilizzi un piano forfettario). Per la precisione in quest'ultimo caso si spenderanno 1,90 euro, che verranno tolti una volta ogni quattro mesi, per un totale di 5,70 euro l'anno, mentre con la prima compagnia si dovranno pagare, immediatamente, 6 centesimi di euro nei giorni in cui si utilizza o Recall o Chiamami: a questo punto, però, sino alle ore 24, si potrà abusare di entrambi senza spendere nemmeno un centesimo in più. Cifra massima che si andrà a spendere con questo gestore? 21,90 euro l'anno.

Ovviamente chiamami, Recall, Lo Sai e Chiama Ora si possono, come abbiamo visto, disattivare, ma la Federconsumatori sta già protestando (sopratutto per la comunicazione sommaria)contro Vodafone e Tim per l'introduzione di questi servizi, sin ora gratuiti, a pagamento, proprio in un momento in cui, grazie all'Unione Europea e all'abbassamento delle tariffe di roaming, sembrava che si andasse verso una diminuzione dei costi e delle tariffe.

mobile.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017