Excite

Nuove tasse sui cellulari con TV e GPS, la UE dice no

L'Unione Europea ha fermato il processo di riclassificazione dei cellulari che avrebbe portato ad aumenti delle tasse, soprattutto per i modelli con TV e GPS.

Artefice di questo processo di cantierizzazione dei prezzi è stata la Svezia che attualmente detiene la presidenza dell'Unione Europea.

Non è un caso, infatti, se questa decisione è stata presa adesso. La Ericsson è una azienda svedese e la Nokia è originaria di un Paese confinante, la Finlandia, che fa parte dell’area scandinava.

Quali che siano state le motivazioni, bloccare la riclassificazione fiscale e doganale dei cellulari va comunque a vantaggio dei consumatori. La tassazione dei cellulari, infatti, sarebbe aumentata del 3,7% per quelli dotati di sistema di navigazione satellitare integrato e di ben il 14% per quelli dotati di sintonizzatore TV.

Nel primo caso l'aumento si sarebbe semplicemente ripercosso sulle tasche dei cittadini, senza riuscire ad intaccare l'ormai consolidato successo del GPS sui cellulari, nel secondo invece sarebbe stato un mattone veramente pesante sul già poco florido mercato della TV sul cellulare.

Insomma, una volta tanto arrivano buone notizie dal mondo delle tasse. E’ difficile trovare notizie che riguardano il blocco di un aumento, soprattutto all’interno del mercato della comunicazione mobile che costituisce un business importante di una portata molto estesa.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017