Excite

Microsoft Surface: il tablet delle polemiche

Lo avevano presentato non solo come il tablet definitivo di Microsoft, che ha un qualcosa in più rispetto ai concorrenti, acclamato dalla stampa sta, con le settimane, ricevendo critiche da più fronti: si tratta di Surface, disponibile dal 26 ottobre (in contemporanea con Windows 8), a un prezzo che varia dai 499 ai 699 dollari (a seconda della memoria da 32 a 64 GB e della presenza, o meno, dell’esclusiva tastiera/cover Touch and Type).

Video Microsoft Surface: le cover Touch and Type

E proprio il prezzo è al centro della prima polemica scatenata dal capo della divisione PC di Hewlett Packard, Todd Bradley che in una recente intervista ha voluto sottolineare come la sua azienda non stia temendo la concorrenza del nuovo Microsoft Surface. Anche se HP non è ancora entrata nel mercato dei tablet (passo a cui non è ancora interessata), prevede un fallimento di questo prodotto proprio per il suo prezzo troppo elevato, se confrontato con il mercato attuale.

Inoltre, sempre secondo Bradley, Microsoft ha fatto un pessimo lavoro nella distribuzione del suo Surface, critica posta da molti nel corso delle scorse settimane. Il dispositivo, infatti, è stato messo in vendita solo in determinati paesi ed esclusivamente attraverso i canali ufficiali Microsoft e solo in alcuni paesi.

Come se non bastasse, arrivano altre polemiche per quanto riguarda la memoria del tablet: ben 16 GB sono, infatti, occupati da Office e tutte le altre applicazioni, i file di ripristino (che occupano ben 5 GB) e dal sistema operativo più in generale. Una quantità un po’ troppo ingombrante se si pensa che i modelli venduti sono da 32 GB e da 64 GB: rispettivamente la metà e un quarto di spazio risultano, così, inutilizzabili.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017