Excite

Infant Cries Translator, l'app che fa scoprire perchè piangono i neonati

Genitori disperati dal pianto dei vostri bambini da oggi c'è la soluzione, arriva direttamente da una app che si chiama "Infant Cries Translator". L'applicazione riesce a segnalare se il neonato piange perchè ha fame, sonno, ha dolori o semplicemente chiede il ricambio dei pannaloni: in qualche modo l'applicazione "traduce" il pianto e offre la soluzione.

Si può acquistare sull'App Store o su Google Play con circa tre dollari ed è stata sviluppata dai ricercatori del National Taiwan University Hospital Yunlin di Taipei (Taiwan), coordinati da Chang Chuan-yu. Per due anni gli scienziati asiatici hanno raccolto circa 200 mila effeti acustici emessi da un centinaio di neonati durante il pianto. Tutto è stato inserito in un database e con un software hanno distinto i vari suoni.

Le migliori app del 2015 per iPhone e iPad: ecco quali sono. Le foto

Bastano solo 15 secondi per scoprire il motivo del pianto, ovviamente l'utilità dell'app si avverte nei primi mesi di vita soprattutto per i genitori alle prese con il primo figlio. Raggiunti i sei mesi il piccolo viene condizionato dall'ambiente esterno e quindi l'app diventa meno utile.

Chang Chaun-yu, papà del progetto, spiega: "L’Infant Cries Translator può distinguere quattro diversi tipi di suoni associati al pianto dei bambini, come fame, sonno, dolore e pannolino bagnato. Finora, in base ai feedback degli utenti, abbiamo constatato che l'accuratezza dell’applicazione può raggiungere il 92% nei bambini di età inferiore alle due settimane. Per quanto riguarda i bambini di uno o due mesi, la precisione dell’app può arrivare fino all’84-85%. Infine, nei bimbi di quattro mesi, il programma individua il significato del pianto con un’esattezza del 77%”.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2019