Excite

Commodore PET, lo smartphone della storica azienda riportata in vita da due italiani: avrà emulatori di C64 e Amiga

  • Twitter

di Simone Rausi

Se siete cresciuti negli anni ’80, probabilmente, avrete un sussulto nel sentire questa parola: “Commodore”. Non un marchio ma un ricettacolo di emozioni e ricordi vari. Quelli passati con i mitici videogiochi a 8 bit, giusto per intenderci. Il marchio Commodore oggi non esiste più, sotterrato da svariati fallimenti e cessioni poco fortunate. O almeno, non esisteva. A riportarlo in vita ci hanno pensato due italiani che hanno fatto partire un progetto di attualizzazione del marchio che, adesso, si prepara a presentare il suo primo smartphone.

Amiga 500 torna a vivere grazie ad Apple

Si chiamerà PET (come lo storico computer che aveva preceduto Commodore 64 e Amiga) e di questi due avrà perfino degli emulatori. Lo smartphone monterà Android Lollipop 5.0 ma, grazie a Uae4A112 e VICE, gli emulator di Amiga e C64, potrà permettere all’utente di giocare con i titoli storici del catalogo Commodore. Sul fronte caratteristiche tecniche, PET potrà contare su un processore Mediatek octa-core a 64-bit da 1.7 GH e una scheda grafica AMD Mali T760 che darà il meglio di sé su uno schermo IPS Full HD da 5.5 pollici e con Gorilla glass 3 o 4. Lo smartphone sarà dual sim, 4G, avrà una fotocamera anteriore da 13 Megapixel, una posteriore da 8 e una batteria removibile da 3000 mAh.

Passiamo alle memorie: due le versioni in commercio, una da 16GB di memoria con 2GB di RAM e una da 32GB di memoria con 3GB di RAM. La microSD inclusa da 32GB si potrà espandere fino a 64GB. Il telefono sarà disponibile nei colori bianco, nero o biscotto (il più vintage e figo) e avrà un costo di 275 euro per la versione da 16GB e 330 per quella da 32GB. L’uscita è attesa prestissimo, nell’ordine dei giorni. Ma chi c’è dietro al progetto rebirth di Commodore?

Massimo Canigiani e Carlo Scattolini, due italiani che hanno registrato il marchio Commodore in 38 Paesi assicurandosi i diritti di utilizzo del logo anche per il settore mobile. Il marchio Commodore, infatti, dopo essersi riaffacciato nel mercato nel 2010 con una versione evoluta del C64, era stato dichiarato fallito diverse volte. L’ultima sentenza, risalente al 2013, lo dava nelle mani della C=Holdings BV ma anche quest’ultima azienda è tramontata.

mobile.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017