Excite

Cellulari, il ‘mistero’ della sim

I cellulari sono una grande passione degli italiani. E le sim, cioè le schede telefoniche, ancora di più. E’ accertato che ognuno di noi possieda più di una sim per ragioni di maggiore convenienza nelle tariffe. Così il ragionamento segue questo 'andazzo': uso la scheda Tim per chiamare i Tim, la Vodafone per i Vodafone, Wind per i messaggi ecc...

Ma le sim dei cellulari spesso sono comprate con un po’ di leggerezza da parte dell’acquirente e molta poca informazione da parte del venditore. E’ quanto emerge da una dettagliata inchiesta di Altroconsumo, svolta su nove città, con quattro operatori telefonici: Tim, Wind, Vodafone e Tre. Il risultato è stato a dire poco disastroso: nell’86% dei casi, il negozio non consegna al cliente neppure l’estratto delle condizioni d’utilizzo della sim, se non esplicitamente richieste, spesso non c’è la controfirma del negoziante sul contratto (quindi, in caso di controversie, non farebbe neppure testo, a svantaggio del cliente) e, dulcis in fundo, il cliente esce dal punto vendita senza neppure avere ben chiaro il suo piano tariffario.

Le sim dei cellulari devono essere vendute con tutta la confezione, quindi anche con le condizioni di utilizzo, il contratto deve essere sottoscritto e non è ammissibile che ci sia così poca trasparenza nell’acquisto di un bene in forma comunque contrattuale. Sono stati esaminati anche 7 operatori virtuali: Noverca, Coop Voce, A-Mobile, Uno mobile, Poste mobile, Mtv mobile ed Erg mobile, anch’essi, secondo l’inchiesta, molto superficiali nella vendita delle sim.

foto©palermo.olx.it

mobile.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017