Excite

Sms, il minimo di buone maniere per non sbagliare mai

Gli sms sono entrati così efficacemente nel nostro comunicare da essere usati quasi per tutto: rapporti personali, dichiarazioni di amore e stima, in certi casi anche lavoro. Proprio perché tutti sembriamo nel pieno della sindrome ‘ del dito da sms’ vale la pena ricordare qualche regola di buon senso che sarebbe bene tenere presente. Giusto, perché, come si dice, anche la forma vuole il suo spazio.

Un sms cambia in funzione del destinatario e del rapporto che abbiamo con lui, chiaro. Ma sia che si tratti di nostra sorella o di una persona con cui non abbiamo confidenza la regola rimane quella: rispondere sempre, anche se siete annoiati. Mai cadere nell’errore di rispondere dopo due giorni o, peggio, mai. E non vi rifugiate nel ‘ non mi è arrivato’: poco credibile. Poi: evitate le catene di Sant’Antonio o gli auguri sparati a tutta la rubrica. Poco rispettoso e qualcuno è totalmente intollerante su questi comportamenti.

Inoltre, un sms deve essere breve ma non sgrammaticato o solo composto dal vostro slang personale. Se, infatti, ciò è in parte perdonabile a un ragazzino, che magari trova anche una certa sicurezza in un linguaggio del ‘branco’, per chi ha superato i venticinque è fuori luogo. Limitate anche le faccine o riservatele solo ai vostri amici: nei rapporti più formali sappiate essere anche voi tali.

foto©blog.panorama.it

mobile.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017