Excite

In arrivo il 'blocca-cellulare' per gli automobilisti

  • infophoto

Se non sono bastate le lezioni a scuola guida, le ramzine dei genitori, le campagne pubbliche di sensibilizzazione ed infine le minacce di salate multe, sarà dunque la tecnologia a togliere il vizio della telefonata mentre si è al volante.

Questo è quello che ci aspetta, almeno stando a quanto viene riportato da i ricercatori della India Anna University of Technology, a Tamilnadu, che affermano di aver trovato un sistema blocca-cellulare funzionante sul automobilista in arrivo.

Non si tratta più quindi di misure deterrenti ma di vere e proprie soluzioni coercitive. Come funziona? Il meccanismo è piuttosto semplice: il sistema viene posizionato in punti specifici del tracciato stradale, come avviene oggi per gli autovelox fissi.

Quando si sta avvicinando un nuovo autoveicolo, il sistema è in grado di rilevare se il cellulare della persona presente al posto di guida è attivo, ovvero si trova in chiamata o sta digitando il messaggio.

Se questa situazione viene riscontrata, il sistema attiva l'invio di radiazioni particolari in bassa frequenza in grado di bloccare la parte modem del telefono, rendendolo in questo modo praticamente inutilizzabile, senza andare ad intaccare la funzionalità dei telefonini di tutti gli altri passeggeri.

L'idea dei ricercatori del India Anna University of Technology, nasce da uno dei principali problemi del Paese sud Asiatico, la gestione e la corretta educazione degli automobilisti, visto l'alto numero di morti ogni anno proprio a causa di incidenti stradali.

Il sistema prevede un'ulteriore aggiunta, opzionale, che segnala alla polizia stradale i dati degli automobilisti incorsi nell'infrazione, ai quali verrà successivamente recapitata la relativa contravvenzione.

Ma sulla reale efficacia dello strumento i dubbi restano; se tecnicamente è pensabile riuscire ad inibire la possibilità di chiamare, è invece difficile pensare che si possa bloccare ad esempio la possibilità di leggere un sms tramite onde radio ad hoc.

Italia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017