Excite

Patente auto, decurtazione punti per lo stato di ebbrezza

Da qualche anno in Italia la patente, o permesso di condurre l'auto, funziona a punti. Anche lo di stato ebbrezza viene sanzionato con ammende finanziarie, decurtazione punti e, nei casi più gravi con pene molto più severe quali la confisca del veicolo e l'arresto. Questo reato, che è di competenza del tribunale ordinario, è contemplato dalla Legge nr. 125 del 24 Luglio 2008 (e seguenti modifiche).

La guida in stato di ebbrezza

La guida in stato di ebbrezza è sanzionata ai sensi dell' art. 186 del codice della strada. Chi beve alcolici e si mette alla guida di un'auto rischia punti per lo stato ebbrezza oltre ad una multa e ad eventuali sanzioni accessorie.

La legge italiana prevede per un tasso alcolemico compreso tra 0,5 e 0,8 g/l un'ammenda da 500 a 2 mila euro e la sospensione della patente da tre a sei mesi. Per valori compresi tra 0,8 e 1,5g/l la multa sale a 800/3.500 euro, il ritiro della patente da sei a dodici mesi e l'arresto fino a sei mesi (generalmente commutato in sanzione pecuniaria). Sopra i 1,5 g/l la sanzione amministrativa va dai 1.500 fino ai 6 mila euro, la sospensione della patente e può arrivare fino a due anni, è previsto l'arresto da sei mesi ad un anno e c'è la confisca del mezzo se di proprietà del trasgressore.

Per questo reato è prevista la decurtazione di 10 punti che diventano il doppio per chi ha preso la patente dopo il primo ottobre 2003 e la possiede da meno di tre anni.

Con la legge 29.07.2010 n° 120 è stata introdotta la possibilità di sostituire la multa e la pena detentiva con lavori di pubblica utilità (generalmente nel campo della sicurezza e dell'educazione stradale) a patto che il reato non sia stato anche causa di un incidente o di un danno a persone.

La legge prevede, quindi, che possano essere effettuati anche dei controlli preventivi (alcol test) ad opera delle forze dell'ordine attraverso un macchinario che si chiama etilometro. Questo strumento misura la quantità di alcol presente nell'aria respirata e consiste in un esame non invasivo che viene ripetuto a distanza di 5-10 minuti.

Dal 30 luglio 2011 (decreto legge 1720-B) le norme sono diventate più severe per i minori di 21 anni, per chi ha conseguito la patente da meno di tre anni e per i conducenti/guidatori professionali.

Per chi rifiuta di sottoporsi al test alcolemico sono previste le medesime sanzioni di chi viene sorpreso al volante con valori superiori a 1,50 g/l di alcol nel sangue. Se l'infrazione viene commessa nuovamente nell'arco di due anni è prevista la revoca della patente.

Conclusione

La nuova legge sulla patente di guida per l'auto prevede la decurtazione di punti per lo stato di ebbrezza. A seconda dei valori di alcol presenti nel sangue ci sono ammende pecuniarie e sospensione del titolo di guida che variano in base alla gravità della situazione. Il codice della strada, nei casi più severi prevede, infine, l'arresto e la confisca del mezzo.

mobile.excite.it fa parte del Canale Blogo Tecnologia - Excite Network Copyright ©1995 - 2017